venerdì 6 settembre 2013

Africa Unite!

"Africa unite!"

Viene subito in mente la celeberrima canzone di Bob Marley, dopo aver letto questa notizia.
L'ho trovata su "La stampa" e credo che sia davvero molto importate diffonderla.

L'Africa dice basta ai rifiuti tecnologici dell'Occidente; quest'estate molti paesi africani hanno siglato un accordo nel quale si impegnano a porre fine al commercio degli scarti (telefonini, computer, frigoriferi, lavatrici...) che spesso vengono scaricati illegalmente sul loro territorio.

Da anni, infatti, tonnellate e tonnellate di rifiuti tecnologici sono scaricati via nave in diversi paesi africani, per ragioni (ovviamente) economiche; infatti, costa molto meno smaltire questi materiali nei paesi meno sviluppati.
Il risultato è che al giorno d'oggi, in Africa, ci sono discariche grandi come intere città, che contengono i rifiuti di Europa e Nord America.
E non è finita.
Ciò che più mi ha indignato è sapere che questi oggetti arrivano molte volte nei porti del Kenya o della Nigeria come DONAZIONI dai paesi più sviluppati. Ovviamente, il materiale è inutilizzabile, e spesso nocivo per l'uomo.

Tutto questo è una delle conseguenze del consumismo; comprare e buttare, comprare e buttare....senza pensare a che fine fanno gli oggetti buttati.
Questo è un sistema assolutamente irresponsabile, che vive nel presente senza pensare al futuro. Le leggi dell'economia ci obbligano ad aumentare sempre i consumi per far crescere il PIL, ma per quanto le risorse della terra ci permetteranno di continuare con questo stile di vita di eterna crescita? Per quanto dovranno andare avanti questi inutili sprechi?
E mentre noi siamo qui ad interrogarci sul futuro dell'economia, le conseguenze dei nostri vizi smisurati le pagano i più poveri, che invece di essere aiutati dai più ricchi, portano sulle spalle le conseguenze del benessere altrui.

Dopo questo accordo, si sta avvicinando il momento in cui i paesi occidentali dovranno trovare altre soluzioni. Sperando che non scarichino nuovamente il loro impatto ambientale su altri paesi. E sperando che finalmente si trovi una soluzione nel rispetto della natura.

Se ti è piaciuto, leggi anche Etiopia, un esempio per molti

26 commenti:

  1. più che di consumismo si deve parlare di collezionismo del genere umano industrializzato... si compra per avere e non perchè quello che compriamo ci serve!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente! E questi sono i risultati...

      Elimina
  2. Ho paura che invece di trovare un modo meno dannoso e più responsabile di produrre e consumare qualcuno troverà qualche nuovo luogo dove scaricare la spazzatura... :(((((!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come si è già fatto, del resto...già, anche io temo che vada così, è la soluzione più realistica (scusa il mio pessimismo)
      A presto :)

      Elimina
  3. E' una grande vergogna... non basta già tutta la loro sfortuna... ora gli scarichiamo addosso anche tutti i nostri rifiuti tecnologici... ma che mostri siamo??? Siamo troppo spreconi!
    Bravo Enrico, queste cose si devo sapere.
    Un caro saluto e buon w.e.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parole sante, Betty!
      Ti ringrazio, buona domenica ;)

      Elimina
  4. Ma tu pensa che di soluzioni ce n'erano, ma sono sempre state scartate...
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come sempre non si guardano le conseguenze ma solo il profitto...
      A presto :D

      Elimina
  5. che amarezza!
    Si sa, l'Africa è lo scarico della nostra bella e sviluppata società occidentale. Non solo per quanto riguarda l'Ambiente..
    I bimbi africani sono spesso cavia di vari "esperimenti"..
    bel post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già! Io mi occupo dell'ambiente e della natura, ma ce ne sarebbero di cose da raccontare...sotto ogni campo.
      Grazie Manuela, a presto :)

      Elimina
  6. Bravo e grazie per averci fatto sapere cose del genere!!!
    Ciao e buona domenica
    Nadia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' molto importante diffondere questa notizia!
      A presto :D

      Elimina
  7. Ciao Enrico.
    Questa è buona informazione, sono notizie che meriterebbero spazi più ampi in ogni mezzo di comunicazione.
    Protestoverde pure io! :)

    Leggendo qualche post qua e la, mi trovo d'accordo su molte cose... per alcune meno ma spero di potermi confrontare presto.
    Un saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ;)
      Anche io mi lamento spesso della scarsa visibilità che hanno alcune notizie sui media italiani...ok, questa notizia c'era anche su "La stampa", ma ad esempio non l'ho sentita ai tg...
      "Protestoverde pure io" potrebbe essere un grande slogan, grazie :P

      E' normale che ci sono cose che apprezzi e altre che ti piacciono meno, abbiamo idee diverse ed è il confronto che le valorizza :)
      A presto, grazie per il bel commento :)

      Elimina
  8. L'irresponsabilità dei paesi industrializzati è vicina alla stupidità. Prima o poi questo consumismo insensato si ritorcerà anche contro di loro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' ciò che si meritano. Il punto è che, per ora, le conseguenze le pagano gli innocenti.

      Grazie di essere passata, a presto :)

      Elimina
  9. Il rispetto della natura purtroppo si sta rivelando un'utopia per pochi a carico, come giustamente definisci tu , dei paesi più poveri che pagano le conseguenze del cosiddetto consumismo..
    Chissà che cosa ci porterà il futuro!!!!
    Un abbraccio mio caro!

    RispondiElimina
  10. Mi sto accorgendo che ho avuto molto buon gusto iscrivendomi già al tuo blog..
    Ne sono ancora più contenta!
    ::))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio così! Fortunatamente hanno reagito. Voglio vedere come andrà avanti la questione...

      Ti ringrazio di cuore per gli apprezzamenti :D cerco di fare del mio meglio e sono contento quando vedo che la gente condivide :)
      A presto :)

      Elimina
  11. Prima o poi il capitalismo imploderà perchè non più sostenibile, ma non riesco davvero a immaginare come e con quali conseguenze...
    Buona settimana Enrico :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, credo che l'unica via di scampo sia la decrescita felice, ma gli economisti non ne vogliono sentir parlare...
      Buona settimana anche a te, a presto :)

      Elimina
  12. Siamo d'accordo con te, in ogni parola.
    Ma quando reagirà davvero questa povera Africa?
    Buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo che questo accordo tra i paesi africani sia solo l'inizio!
      A presto :)

      Elimina
  13. Tutti ad interrogarci sul futuro dell'economia ma nessuno trova una soluzione al disastro ambientale!
    Non c'è rispetto per la natura!
    I tuoi post sono sempre così costruttivi, concreti!
    Buona giornata da Beatris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già! Spesso sottolineo che la crisi non è solo economica, ma anche ambientale! E se non si cambia atteggiamento, magari si riesce in qualche modo a risolvere la prima, ma di certo non la seconda!
      A presto :)

      Elimina
  14. Bueոas!
    Tengo que reconocer que hasta ahoa no me interesaba demasiado elsitio, sin
    embargo ultimamente estoy leyendlօ frecuentemente y еsta mejorando.

    Buen trabaϳo!

    Pɑra ver mass puede visitar ; Juan

    RispondiElimina

Mostra di essere passato di qua!
Se hai apprezzato, condividi il tuo pensiero = )
Se non hai apprezzato, non essere timido ed esponi le tue ragioni = )