giovedì 10 ottobre 2013

No al delfinario di Rimini

Buongiorno a tutti, cari followers!
Oggi sono qui con Mirial del blog Sogni di una notte di Luna piena, per parlarvi di un argomento che ci sta molto a cuore.
Ma partiamo con ordine...

Troppo spesso l'uomo si macchia di un egoismo cieco, che lo porta ad utilizzare le risorse a propria disposizione in modo non solo sbagliato, ma soprattutto dannoso. Dannoso per chi? Per l'ambiente, per le persone che lo circondano e in taluni casi anche per le altre specie animali e vegetali che popolano il bellissimo pianeta su cui abitiamo. Ciò di cui vogliamo parlarvi oggi è quello che l'uomo, per scopi di lucro, perpetra nei confronti di uno degli animali più belli del pianeta: il delfino.


 

Fin dai tempi antichi, questo meraviglioso mammifero è stato protagonista di miti, culti e rappresentazioni. E' opinione comune infatti che il delfino possegga una spiccata intelligenza, di gran lunga superiore a quella di molti altri abitanti dei mari e degli oceani, e per questa sua caratteristica può aggiudicarsi il vanto di migliore amico dell'uomo, dopo il cane.
 
Peccato però che l'uomo, anzichè ricambiare l'amicizia sincera e genuina del mammifero acquatico, spesso lo sfrutti a proprio piacimento, senza curarsi della libertà che Madre Natura ha donato al delfino. Ed è così che nascono delfinari e parchi acquatici, posti in cui rinchiudere questi splendidi animali per farne fenomeni da baraccone. Anzichè nuotare libero nelle acque sconfinate del mare e dell'oceano, il delfino si ritrova così in uno spazio ristretto per le sue dimensioni e la sua natura, costretto a dover eseguire giochi e acrobazie fino allo sfinimento dinnanzi ad una folla che applaude impazzita allo spettacolo... 


 Converrete anche voi che queste non sono condizioni naturali per un delfino, così come non lo sarebbero per qualsiasi altro essere vivente.
 
Ma il peggio non è ancora arrivato. Aggiungete a questo "quadretto" anche i maltrattamenti e le scarse cure igieniche e veterinarie. E qui veniamo al punto: qualche settimana fa, a causa di tutto ciò, quattro esemplari di delfini della specie "Tursiopis truncatus" sono stati trasferiti dal delfinario di Rimini all'acquario di Genova grazie al Corpo Forestale, che aveva accertato le cattive condizioni in cui questi animali erano costretti a vivere: a Rimini infatti mancano il riparo dal calore del sole e dalla vista del pubblico, un adeguato sistema di raffreddamento e di pulizia dell'acqua, e in più le vasche che hanno contenuto questi mammiferi sono di dimensioni troppo ridotte per i movimenti dei delfini, non garantendo così la salute fisica e psichica degli animali. Come se tutto ciò non bastasse, a Rimini mancano anche le adeguate cure veterinarie e con esse le vasche che dovrebbero ospitare i delfini malati o le femmine in gravidanza o allattamento.
 
Insomma, la struttura di Rimini (come molte altre, del resto) è una vera e propria prigione per questi animali. Il delfinario di Rimini per ora è chiuso al pubblico, ma per quanto tempo ancora? Noi ci auguriamo per sempre. Per questo chiediamo il vostro aiuto, con la speranza che vogliate firmare la petizione che impedirà la riapertura del delfinario.
 
Forse qualcuno potrà pensare che questa struttura rappresentava un vanto per i cittadini, che ne ricavavano turismo, ma noi vi diciamo; che vanto c'è nel tenere in tali condizioni queste creature per diletto? 
L'uomo, a differenza di quanto possa pensare, non ha alcun diritto di violare la libertà degli altri esseri viventi al solo scopo di guadagnare denaro. I delfini sono animali meravigliosi, che per natura devono essere liberi di nuotare liberi e veloci nel blu immenso di una distesa d'acqua, e non costretti a sguazzare in una piscina solo per il sollazzo e il guadagno dell'essere umano. Io e Mirial ci auguriamo che l'eventuale chiusura definitiva del delfinario di Rimini sia solo la prima di una lunga serie!
 
 Detto questo, vi lasciamo qui sotto il link della petizione online che entrambi abbiamo firmato, con la speranza che vogliate dare anche voi il vostro piccolo contributo, perchè in fondo ognuno di noi è una goccia nell'oceano, ma se non esistessimo l'oceano avrebbe una goccia in meno... firmare è molto semplice, dovete semplicemente cliccare sulla foto che vedete qui sotto, e vi si aprirà la pagina della raccolta firme, dove dovrete semplicemente inserire nome, cognome e mail!

 
Fino a questo momento oltre 10000 persone hanno contribuito alla causa; ricordate, l'unione fa la forza!
 
  
 


16 commenti:

  1. Vado a firmare immediatamente!

    RispondiElimina
  2. Ciao Enrico, vorrei assegnarti un premio, che, a mia volta ho ricevuto. Se passi dal mio sito, trovi le info. Ciao, Cristina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, ti ringrazio di cuore! Scusa il ritardo nella risposta, ora passo!

      Elimina
  3. Ciao Enrico...
    ...dispiace ma non mi vedo d'accordo con quello che hai postato.
    Certo sono per il benessere dei delfini, ma non contro i delfinari se sono a norma di legge e rispettano il benessere degli animali.
    Gli operatori di Rimini come molti altri, non sono di certo degli sfruttatori avidi di denaro, da quello che hai scritto, senza alcuna offesa, mi viene da pensare ai cattivi della disney. Chi lavora lì lo fa con passione e tiene molto a quei delfini anche affettivamente; il problema vero a Rimini è la struttura che doveva essere adeguata da anni e per la solita burocrazia non è mai avvenuto.
    Ma tu come altri pensi che è abominevole trarre lucro da animali tenuti in cattività per me è abominevole lasciare della brava gente senza lavoro...di nuovo siamo punto e a capo.
    A presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io credo che l'uomo abbia tutti i mezzi per poter lavorare senza costringere altri animali a soffrire. Che poi questo sia un periodo critico sotto il punto di vista del lavoro è un altro discorso, certamente non meno importante. Comunque, i delfini non soffrono solo nei delfinari fuori norma, ma anche in quelli "adeguati"; la verità è che per loro queste strutture sono vere e proprie prigioni, e questi animali subiscono quindi grandi sofferenze (scusa la ripetizione) sia a livello fisico che psicologico.
      Certamente, il lavoro è importantissimo e di questi tempi scarseggia, ma siamo sicuri che sia proprio questo il modo corretto di farlo? Non mi riferisco all'operaio, ma al datore di lavoro...
      In ogni caso, ho apprezzato il tuo commento, è bello potersi confrontare in modo civile con altre persone, anche quando queste ultime non la pensano come te. Abbiamo punti di vista differenti, e così sia ;)

      Elimina
  4. E questo vale per tutti gli animali... uccellini fatti per volare e spaziare nell'infinito chiusi in piccole gabbie ....anch'io li ho tenuti per due anni e in una gabbia "grande" ma mi sono pentita dopo aver visto come è volato via, con uno stratagemma, il mio pappagallo tropicale (l'ho ammirato e gioito con lui per la sua libertà), pesciolini che girano avanti e indietro nella loro vasca, criceti costretti a correre impazziti in una rotellina e tartarughe che una volta cresciute e grandi come meloni incastrate a vita nella loro vaschetta grande come loro, ho visto anche questo e mi si è stretto il cuore....gli uomini declamano la libertà per se stessi ma la impediscono agli animali... ora vado a leggere la petizione e firmare....ciao Cri e complimenti per il tuo blog... +1

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo pienamente con te, Cristina!
      Vedere un animale che si riconquista la libertà precedentemente perduta per mano dell'uomo è sempre un grande spettacolo!
      Già, fin troppo spesso li costringiamo a regole che noi consideriamo normali ma che per loro non sono affatto tali, anzi, spesso diventano motivo di grandi sofferenze! Grazie per aver contribuito alla raccolta firme :D
      A presto :)

      Elimina
  5. Purtroppo troppo spesso l'uomo non si rende conto di ciò che c'è di prezioso intorno a lui, non vede che esistono delle creature ancora più speciali, che sono da rispettare profondamente. Ancora non è contemplato dalla mente umana il concetto di " le creature non sono state create per il pubblico ludibrio"!! Speriamo che ora i delfini stiano meglio! :)
    A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo l'uomo da per scontate troppe cose, le quali molto spesso si rivelano errate o dannose...
      Speriamo davvero! Sarebbe già questo un buon passo per un futuro migliore!
      A presto A. , grazie per essere passata ;)

      Elimina
  6. firmato! basta con lo sfruttamento degli animali..
    ci si può divertire in altri modi più intelligenti
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grandissima! Concordo pienamente con la tua breve massima ;)
      A presto :)

      Elimina
  7. Firmato, grazie di aver diffuso la petizione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per averla firmata ;)
      A presto :)

      Elimina

Mostra di essere passato di qua!
Se hai apprezzato, condividi il tuo pensiero = )
Se non hai apprezzato, non essere timido ed esponi le tue ragioni = )